Le Notti Bianche

Le notti bianche è, insieme a Delitto e castigo, la più amata e la più letta delle opere di Dostoevskij. Protagonista è la figura del sognatore, nella cui esistenza, chiusa in un mondo di fantasticherie, irrompe per un breve attimo la giovane Nasten’ka.
Simbolo del pulsare delle emozioni, Nasten’ka offrirà per la prima volta al sognatore scampoli di vita vera, finché una sua lettera, con l’annuncio delle proprie nozze, non lo “risveglierà” per riportarlo al suo destino di illusioni. Sullo sfondo di una Pietroburgo deserta e quasi magica, si inserisce l’intenso dialogo tra i due protagonisti, pure voci, la cui identità è l’oggetto stesso delle loro riflessioni e della loro autocoscienza.

Un Libro che si legge in una sola volta. Personalmente ho impiegato 3 ore per finirlo tutto. Una storia che ti prende dall’inizio alla fine, molto semplice e lineare. Lo stile di Dostoevskij, attira il lettore, e lo tiene incollato al suo libro dall’inizio alla fine.

“La mia non è propaganda”, è semplicemente un modo per condividere il mio pensiero sul libro letto, commentarlo e discuterne insieme, qualora lo vogliate.

Sinceramente….. il vostro –> ElSannio!!!

Annunci

2 pensieri su “Le Notti Bianche”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...